manifestazione01
manifestazione03
manifestazione02
manifestazione05
manifestazione04
manifestazione07
manifestazione06
manifestazione09
manifestazione08
manifestazione10
manifestazione12
manifestazione11
manifestazione14
manifestazione13
manifestazione16
manifestazione15
manifestazione17
manifestazione19
manifestazione18
manifestazione20
manifestazione21
manifestazione22
manifestazione24
manifestazione23
Domenica 25 Giugno 2017

La Manifestazione

Era il 31 gennaio del 1632 quando, "tutto il popolo a piena voce" faceva voto solenne a Dio e ai santi Sebastiano et Rocco per essere miracolosamente scampati, nel 1630, all'epidemia di peste ben descritta dal Manzoni nel romanzo dei Promessi Sposi.
Il voto prevedeva che ogni primo sabato del mese e per tutti i 12 mesi dell'anno, - da qui il nome del voto - l'astensione dal lavoro, una processione ed una santa messa nella piccola chiesetta di Sant'Abbondio sul colle omonimo.
Donna Fior, nobil donna di Dro, lasciava la sua cospicua eredità per offrire: pane, vino, carne e minestra "ai poveri Cristi di Dro et Ceniga" di ritorno dalla processione medesima.

Un evento, questo, che dal 1993, il Circolo Culturale Amici dell'Oratorio, in collaborazione con l'Assessorato alla cultura del Comune, ripropone come festa popolare, per riscoprire le tradizioni e la fede sincera e profonda dei propri avi. Fede della quale il Voto è espressione, nel modo in cui è stato pronunciato e nelle convinzioni che esprime sul lavoro e sul rispetto per la giornata festiva, al punto da arrivare a multare chi non rispettava le regole della Comunità.


I MOMENTI DELLA MANIFESTAZIONE

LA FIRMA DELLA PERGAMENA
è il momento più importante della manifestazione.
La firma rievoca l'antico Voto, del 1632, voluto dalla "Comunità di Dro e Ceniga" come ringraziamento a Dio e ai Santi Sebastiano e Rocco, per la protezione avuta durante l'epidemia di peste del 1630.
La pergamena è sottoscritta dalle autorità civili e religiose nell'antica chiesa di S.Abbondio a Dro.

IL CORTEO STORICO
il corteo storico si svolge la domenica pomeriggio. Vengono percorse le vie dei paesi di Dro e di Ceniga. I figuranti, più di 200, sono vestiti con abiti d'epoca seicentesca e rappresentano tutti i ceti sociali: dai popolani, ai nobili, alle guardie, alle autorità civili e religiose.
Precedono il corteo: il gruppo "Tamburi S.Abbondio Dro", il gruppo Cavalieri storici e le autorità.

PASTA, FASOI E PAN DE MOLCHE
la distribuzione gratuita di pasta, fagioli e pan di molche (pane con olive), e' sempre di domenica alle ore 19. La ditribuzione si ricollega al testamento di Donna Fior che lasciava la sua cospicua eredità per dare, "ai poveri di Cristo di Dro et Ceniga" di ritorno dalla processione al dosso di S.Abbondio, pane, vino, minestra e carne.

IL PALIO DELLE BOTTI
è una competizione non agonistica che si tiene in piazza della Repubblica a Dro la domenica sera.
Quattro squadre che rappresentano i paesi di Dro, Ceniga, Drena e Pietramurata, composte da cinque partecipanti ciascuna, si contendono "il Palio" in una combattutissima gara di spinta di botti lungo un percorso tra ostacoli e prove di abilità manuali.